i Giovani con i Padri Somaschi     

 

La Bussola

a cura di Michele Marongiu

     

                       A partire da me

     
   
   
Una delle cose più belle che caratterizzano i giovani è il desiderio di migliorare il mondo. Ai loro occhi è insopportabile l’ipocrisia, l’ingiustizia, la corruzione e quant’altro produce odio e sofferenza. Molti di essi sono pronti a pagare di persona per dare il proprio contributo al cambiamento.
Il sogno di un mondo migliore è un bene prezioso da non perdere mai, una fiamma interiore da custodire. Un giovane ha tutti i diritti di mandare a quel paese quelli che gli vorrebbero spezzare le ali tacciandolo di idealista. Quanti adulti incontriamo ormai rassegnati al peggio, disillusi, passivi, omologati...
Attenzione però: la delusione è sempre in agguato. Ben presto si sperimenta quanto sia difficile cambiare la realtà. Ci si accorge che le situazioni sono più complesse di quello che ci appariva, più radicate. Gli altri poi quasi mai sono disposti ad accogliere le nostre ragioni... L’unica parte della realtà sulla quale abbiamo un vero potere è questa: noi stessi. Possiamo iniziare da qui a cambiare le cose, a creare quel mondo che desideriamo vedere intorno a noi, fatto di sincerità, di giustizia, di fratellanza.
Sembra forse insignificante questo potere, invece è determinante: da noi dipende molto più di quello che riusciamo ad immaginare.